The Queen, una regina da Oscar

thequeen

The Queen è un film strardinario, da guardare se non l’avete ancora visto, da riguardare se volete ricordare quei giorni di venti anni fa. Helen Mirren interpreta una Elisabetta sconvolta, inquieta, presa fra mille fuochi. E’ uno di quei film in cui il co protagonista è solo un fantasma eppure magicamente presente. Poi dopo guardate anche “Il discorso del re”.

 Il giorno più lungo di Elisabetta Windsor sposata Mountbatten è stato sicuramente quello cominciato con la notizia che la sua nuora più mediatica ed agitata, quella che negli ultimi anni le aveva dato, oltre a due splendidi nipoti, anche un certo numero di grattacapi, era morta Parigi**. Il capitolo Diana, chiuso così rapidamente e tragicamente, ha rischiato di trasformarsi in una vera e propria catastrofe per la famiglia reale e per la dinastia, ma la sovrana è riuscita a trasformare un momento di enorme difficoltà in una vera e propria riscossa. La “principessa del popolo” aveva, forse inconsapevolmente, aperto strade nuove ai royal inglesi, ma non era stata capace di gestire questo “new deal”, ci riuscirà Elisabetta II, la suocera con cui in fondo lady D. non aveva mai legato. E secondo lo scrittore inglese Robert Lacey l’affaire Diana consente alla sovrana di fare uno dei gesti più apprezzati di tutto il suo lungo regno. “Alla morte di Diana – spiega Lacey – Elisabetta è stata molto criticata per non aver reagito ed essere rimasta a Balmoral in Scozia. Al suo ritorno a Londra c’era quasi aria di rivoluzione. Finalmente la vigilia del funerale c’è stata la famosa intervista, in diretta, mentre Elisabetta che non si esprime con facilità ed è piuttosto rigida preferisce registrare i suoi interventi. Il momento era veramente critico e lei ha capito che prima di tutto doveva conquistare il cuore della gente. L’ha fatto parlando in tv e rivelando i suoi sentimenti. Ha usato le parole giuste « Vi parlo come regina e come nonna» quindi il suo essere rimasta a Balmoral era motivato dal fatto che prima di tutto venivano i suoi nipoti ormai orfani di madre”. In quel preciso istante, assicura Lacey, Elisabetta II ha capovolto la situazione.

The_Queen_-_La_regina

 

Il film, diretto da Stephen Frears, con Helen Mirren e Michael Sheen, è del 2006 ed è stato candidato agli Oscar per miglior film, migliore interpretazione femminile (vinto da Helen Mirren), miglior regia, miglior sceneggiatura originale, miglior colonna sonora originale e migliori costumi.

Nel maggio del 1997 dopo diciotto anni di amministrazione da parte dei Conservatori, lo scozzese Tony Blair, giovane membro di rilievo dei Laburisti, diventa Primo ministro del governo di Sua Maestà, e si prepara ad essere accolto con freddezza e distacco da Elisabetta II. Nell’agosto dello stesso anno, Diana muore in un incidente automobilistico. Il popolo britannico è affranto dalla morte della principessa, mentre la famiglia reale e la stessa sovrana rimangono a Balmoral trincerandosi in un silenzio che i sudditi non gradiscono affatto, tornando a Londra solo dopo una settimana dall’avvenimento. Il film racconta proprio questa settimana, mostrando i colloqui tra il nuovo Premier e Sua Maestà britannica, oltre che tra i collaboratori dei Windsor e quelli di Blair, passando poi per il cordoglio di una nazione e del mondo intero. La Regina Elisabetta (Helen Mirren) si rifiuta di esprimere pubblicamente il proprio cordoglio, ma il neoeletto Primo Ministro Tony Blair (Michael Sheen) cerca di farle cambiare idea. Frears rappresenta e trasmette in modo eccellente gli umori di popolo, di governo e di monarchia all’indomani di un evento che ha sconvolto l’opinione pubblica e colpito in prima persona ogni singolo individuo perché, si sa, nel 1997 non morì la Principessa del Galles ma un’icona. Ma quello che riesce meglio a Frears è il “disegno” del personaggio della Regina, grazie anche alla straordinaria interpretazione di un’inedita Helen Mirren che proprio per questo si è guadagnata un meritato Oscar (l’interpretazione di un compente della famiglia reale inglese deve portar fortuna, visto anche l’Oscar vinto da Colin Firth per “Il discorso del re”).

Pare la regina non abbia mai voluto vedere questo film, mentre ha visto ed apprezzato “Il discorso del re”.

 

* Ho tardivamente scoperto che il logo, bruttino a dire il vero, è stato disegnato da una ragazzina la quale ha vinto il concorso indetto da un quotidiano britannico, della serie un sacco di pubblicità e poca spesa, ma il risultato resta scadente.

** Credo che quel giorno un’altra persone avrebbe fortissimamente voluto essere altrove, molto altrove: il sindaco di Parigi, Jacques Chirac. M. Chirac si è ritrovato fra le mani una grana di dimensioni colossali e pare – si dice, si mormora, l’ho detto ma non ricordo dove – che quella notte non fosse neanche nel suo di letto…

Comments ( 110 )

  • elettra

    Febbraio 22, 2012 at 5:46 pm

    Credo che stasera rivedrò il film,che ho già visto un paio di volte,ma merita sempre….bello, veramente bello…interpreti molto calati nella parte che fanno pensare che le cose siano andate proprio così….penso, anche che sia stato lasciato poco spazio all’immaginazione… solo il ruolo di Carlo mi pare poco rispondente alla realtà, benchè allora fosse ancora molto stressato e provato……bellissima (per chi ancora non l’ha visto, la scena del cervo)
    riflettendo un attimo, mi viene da dire che Elisabetta è cambiata esattamente in quelle giornate… forse deve qualcosa anche lei al suo primo ministro che invece , proprio in quel momento si è giocato tutta la sua reputazione, già scarsa, in seno alla famiglia reale…..
    o forse senza Diana, che stava diventando una vera e propria mina vagante, si è rasserenata…
    Eccellente la Mirren…. bravissimo “Blair” e anche l’attore che interpreta Filippo, molto bravo!

    @Marina…non ho ancora capito bene dove fosse Chirac…. 😉 🙂

  • lukas

    Febbraio 22, 2012 at 7:48 pm

    Marina grazie!!!! Io non lo sapevo ed era molto tempo che volevo vederlo. Ti adoroooo 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂

  • ALESSANDRA D.

    Febbraio 22, 2012 at 8:59 pm

    Marina, te ne avevo parlato nel tuo precedente post di questo film, credo che la parte piu’ bella sia vedere il lato piu’ umano della Regina, vale veramente la pena.
    quest’anno piu’ che mai.

  • marina

    Febbraio 23, 2012 at 12:04 am

    dunque sarà per l’età che avanza ma non ricordo né quando, né come ho visto questo film, mi sembra di non averlo visto al cinema (come invece il discorso del re), forse abbiamo preso un dvd, forse. è che al cinema ci vado davvero poco, per pigrizia, perché non mi piacciono le multisale (che mi tocca pure arrivare all’altro capo di Ancona), perché abbiamo così poche sere libere, e poi come direbbe mio padre “non ci sono più i bei film di una volta”. e per lui questo significa che essnedo morti sia Fred Astaire che Hitchcock al cinema si può anche smettere di andare.
    però questo l’avevo visto, ma come dico spesso bisogna rivederli i film due, tre volte. ho colto molte cose e devo dire che si la Mirren brava, ma ho la sensazione che abbia calcato la mano. invece mi è piaciuta l’evoluzione del rapporto fra i due, e il fatto che Blair alla fine capisce perché lei sia così restia a commemorare. lo urla al suo addetto stampa. la scena del cervo citata da @ elettra non me la ricordavo e non è che mi sia piaciuta molto per vari motivi, io odio la caccia, odio vedere animali morti, ma devo dire che aveva un senso profondo. il cervo braccato ha l’aria di essere la metafora di Diana, braccata, morta e “speriamo che non abbia sofferto”.
    @ lukas per così poco 😉
    @ Alessandra D. se ti fa piacere recupera il tuo commento e incollalo qui sotto.

  • elettra

    Febbraio 23, 2012 at 7:35 am

    @Marina ….era esattamente per quello che avevo detto bella….in tutto quel rincorrere il povero cervo per giorni, a un certo punto Filippo dice , riferendosi ai nipoti tristi e che sbattono le porte…domani li farò sfogare col cervo….era tutto quello che era avvenuto con Diana…era stata la vittima predestinata…perseguitata per anni, e alla fine vinta…e come dici tu e la regina nel film, speriamo non abbia sofferto….
    Quel cervo vivo era bellissimo…da morto anche a me non è piaciuto……la mia casa confina con una tenuta che ha un branco di daini e proprio l’altro ieri, dopo tanto tempo, li ho rivisti,sono una quindicina, con un maschio che è quasi più alto di me…si avvicinano molto specialmente i cuccioli che sono più curiosi e inesperti…quando arrivano ci fermiamo tutti li guardiamo e aspettiamo che se ne vadano…che animali splendidi!

  • Ale

    Febbraio 23, 2012 at 9:52 am

    anche a me piace molto questo film, infatti anche se ho il dvd l’ho rivisto volentieri. pare però che le cose non siano andate proprio così, forse i labouristi hanno cercato di affossare la monarchia che aveva già subito molte critiche per la tassa aggiunta per restaurare il castello di windsor bruciato nel 1992. probabilmente è anche per questo che sia blair che gordon brown non sono stati invitati al matrimonio di william e kate.
    poi ho una domanda a cui magari qualcuno sa rispondere: perchè da giorgio II nessun membro della famiglia reale non ha più abitato il castello di hampton court? personalmente lo trovo molto bello, anche più di quello di windsor.

  • paola

    Febbraio 23, 2012 at 10:18 am

    non ho guardato il film anche se vi ho pensato 🙂 perchè la morte di Lady Diana mi suscita, per motivi personali che è inutile raccontare, angosce ed emozioni che vanno al di là del pur terribile fatto di cronaca… questa scena del cervo braccato di cui parlate deve essere stata veramente emblematica e commovente.

    M. Paola

  • MARCO MARCACCIO

    Febbraio 23, 2012 at 10:19 am

    Ciao Marina
    per l’ennesima volta (non so più quante) ho rivisto il film con la stessa curiosità della prima (per molti non sara un gran film, per molti altri è….da oscar). A parte gli scenari fantastici, il ricordo di Diana che sarà indimenticabile resta sempre sorprendente come una Attrice si sia “calata” in un personaggio “particolare” come Elisabetta II (Regina, mamma, nonna, moglie, figlia…..).
    Al di la dei dialoghi (da copione ovvio) chissa se nel privato, The Queen è veramente così……….
    Sempre tanti complimenti per il sito (mia figlia ti ha visto da Banedetta Parodi e ti ha riconosciuto dal libro, che per lei è un racconto di favole).
    Un saluto a tutti.
    Marco

  • lukas

    Febbraio 23, 2012 at 11:24 am

    Film molto bello, sono rimasto incollato alla televisione fino alla fine, non volevo perdermi nemmeno un fotogramma. Ho trovato Helen Miller strepitosa…ma il Duca di Edimburgo è così caustico anche nella realtà?
    E non sapevo che la Queen Mom avesse pianificato nel dettaglio la propria cerimonia funebre 🙂
    A costo di attirarmi le ire di tutti i Diana’s supporters (così sì è definito un mio amico proprio ieri sera) trovo condivisibile il punto di vista di Elisabetta considerando il suo vissuto, la cultura e l’istruzione.
    Molto probabilmente le cose non si sarebbero aggravate tanto, se qualche cenno di cordoglio e partecipazione fosse arrivato fin da subito. Poi sicuramente i giornali e i politici antimonarchici non si sono certo astenuti dall’alimentare il fuoco (la pretesa dello stendardo reale a mezz’asta era semplicemente ridicola) fino a fare di Diana una santa e una martire: ma è quello che succede quando si trasforma in idolo chi si ribella alle regole piuttosto di chi le segue e rispetta anche a costo di grandi sacrifici.

  • elettra

    Febbraio 23, 2012 at 11:30 am

    @ Ale … si mormora da qualche parte, ma non so se è vero, quindi prendi la cosa con le pinze, che non solo Elisabetta era recalcitrante a fare e a dire tutto quello che poi ha fatto e detto ( anche nel film, alla fine si vede quando aggiunge le parole al discorso all’ultimo minuto, che si era completamente arresa a Blair), ma sembra, e sottolineo,che Blair l’abbia obbligata a far partecipare i bambini al funerale, che in un primo momento non erano previsti… si dice che l’abbia convinta dicendole che temeva un’ insurrezione popolare e che Carlo avrebbe corso un serio pericolo…con i figli vicini, questo non sarebbe successo…….la stessa Elisabetta si sentì in obbligo di mettersi in gioco e di uscire dal palazzo e salutare il feretro sul marciapiedi, abbassando la testa….
    Queste parole la famiglia reale, non gliele ha più perdonate!

  • Martina

    Febbraio 23, 2012 at 3:36 pm

    Io avevo già visto il film l’anno scorso e mi era piaciuto molto e così gli ho dato un’occhiata anche ieri sera, la Mirren è davvero fantastica, Carlo l’ho trovato un po’ insulso, e personalmente ho trovato odioso Filippo e le sue battute. La scena del cervo l’ho trovata bellissima e forse lei guardando il cervo non pensava solo a Diana, ma alla sua vita in generale, comunque anche io odio la caccia e non capisco quest’esigenza di uccidere animali, se non è necessario. Da nonna probabilmente anche io avrei evitato di mandare i miei nipoti al funerale e francamente usarli da parte di Carlo per evitare attentati la trovo una cosa ridicola.

  • Laura

    Febbraio 23, 2012 at 4:17 pm

    @ lukas ricordo di avere letto anni fa che a Corte e’ pronto il protocollo per i funerali di tutti i membri della casa reale. Qualche tempo fa, per una svista, fu reso pubblico quello per la regina madre : allora Elisabetta si arrabbio’ parecchio ma la regina madre pare abbia detto serafica che era molto compiaciuta per quello che avevano previsto di fare in suo onore… (autentico esempio di humor inglese)

  • Sofia

    Febbraio 23, 2012 at 4:55 pm

    Sul funerale mi è venuta in mente una cosa. Non so dove l’ho letta, o sentita. Forse un documentario sul principe Filippo, magari quello realizzato per il suo compleanno, lo scorso anno.
    Parrebbe che Filippo sia stato molto vicino a William e Harry dopo la morte di Diana e che sia stato lui a dire ai ragazzi che, nonostante fosse doloroso, se non avessero dato un ultimo saluto alla madre, un giorno lo avrebbero rimpianto. E fu sempre lui a consigliare ai ragazzi di camminare dietro al feretro con la testa china per contenere meglio l’emozione. Inoltre, ci fu momento in cui il feretro passò sotto un portone ad arco e, se non mi sbaglio, si vide Filippo che faceva un cenno di supporto a William (o qualcosa di simile, ora non ricordo bene).
    Per quanto riguarda il film The Queen, ho un vago ricordo del fatto che forse Elisabetta si sia convinta a vederlo dopo che la Mirren vinse l’Oscar.

  • Lady vivian

    Febbraio 24, 2012 at 5:01 am

    Bisogna ingannare gli uomini per asservirli
    ma si deve loro almeno,
    la cortesia della menzogna.

    L’amore è tutta la storia della vita di una donna,
    un episodio soltanto in quella di un uomo.

    Madame de Stael

    ( Anne Luise Germaine, Baronessa di Stael Holstein)

  • Filippo

    Febbraio 26, 2012 at 11:30 pm

    Guardate questo video di un viaggio della regina Elisabetta II negli Stati Uniti all’epoca di Regan.
    Ascolterete il dolce e regale squittio di the Queen
    peccato che non conosca l’inglese in modo fluentemente.
    Buon divertimento
    Filippo
    http://www.youtube.com/watch?v=Q0-J59LjVWk&feature=player_embedded

  • elettra

    Febbraio 27, 2012 at 6:46 pm

    Ma avete visto come hanno bevuto il caffè? in piedi…lungo..e a forza di parlare, sicuramente freddo!!!!!
    omioddio….Carico, Corto e Comodo!!!!!!!!Maestà ,così si beve il caffè!

  • elettra

    Febbraio 28, 2012 at 7:42 am

    Tra tutti i post, questo mi sembra il più adatto…..ieri sera tardi su RAI 5 un bellissimo film/documentario/biografia ” The queen and I” dell’imperatrice Farah Diba con lei in prima persona come protagonista…. una regista iraniana, anche lei uscita dall’Iran, ma che a suo tempo aveva combattuto contro lo Scià, ha convissuto per un certo periodo insieme a Farah….. ne è venuto fuori un personaggio straordinario e molto accattivante… io ho cominciato a vederlo che era già cominciato, ma se dovessero riproporlo è da non perdere..ci sono stati anche momenti molto intimi come una visita al cimitero sulla tomba di Leila, in cui Farah racconta ,e piange, della vita e della morte della figlia ( probabilmente il film era antecedente allla seconda morte, quella di Alì Reza)… ci sono state domande molto imbarazzanti, sulle tante amanti dello Scià….. un ritratto molto bello della donna e dell’imperatrice, che inoltre è sempre bellissima, che non nasconde le sue rughe (anche quelle dell’anima!) elegantissima e incredibilmente normale

  • Ale

    Febbraio 28, 2012 at 11:41 am

    @elettra sicuramente the queen ha bevuto un caffè migliore quando è venuta a trovare ciampi al quirinale! mi ricordo che in quella occasione per tre giorni di visita di stato si portò più di 300 paia di guanti, la cosa mi aveva colpito moltissimo e io bambino di 9 anni mi chiedevo a cosa servisse portarsi dietro tutta quella roba.

  • Filippo

    Febbraio 28, 2012 at 1:15 pm

    Buon giorno,
    i guanti servono a the Queen, con tutte le mani che stringe, evita in questo modo batteri, virus e carenze igieniche, ormai sappiamo tutti che i virus influenzali si trasmettono con il contatto delle mani.
    Saluti
    Filippo

  • elettra

    Febbraio 28, 2012 at 5:25 pm

    @Ale …secondo me se la regina assaggiasse un “Bicerin”. ne andrebbe pazza.. non so perchè mi sono fatta questa idea, ma Elisabetta mi sembra golosa …avrà assaggiato tante cucine, ma niente di veramente “verace” con sapori autentici e profondi..la sua deve essere una cucina tipo aereo….inoltre già l’Inghilterra non è quel che si dice la patria della buona cucina…un hambergher due piselli e carote lessati e via!!

  • paola

    Febbraio 28, 2012 at 7:26 pm

    @Elettra, anch’io ho visto il film su Farah Diba “The queen and I” e mi ha veramente toccato e anche un po’ commosso. Che donna! Se ti sei persa delle scene, e a chi interessi, si può andare su youtube a questo indirizzo

    http://www.youtube.com/watch?v=TpOAyI2dMSk&feature=related

    qui c’è la prima parte del film, con sottotitoli, e accanto i video correlati (è diviso in più parti, mi sembra siano 9 filmati perchè il documentario intero dura 1 ora e mezza).

    C’è un’unica scena molto forte, anzi tremenda, di un ragazzo condannato a morte, che sale sul patibolo con tanto coraggio (l’altro giorno si parlava di nazismo e anche di empatia, ma qui dov’è un briciolo di empatia? come si possono fare certe cose a un tuo simile, a un ragazzino dalla faccia per bene? è un orrore che non riesco a spiegarmi).
    A parte questa scena, tutto il resto del film è una lunga intervista in varie situazioni all’Imperatrice Farah, che secondo me è veramente una donna speciale (io sono da sempre una sua ammiratrice)

    M. Paola

  • Ale

    Febbraio 28, 2012 at 8:24 pm

    @elettra chissà potrebbe piacerle. anche a me a pelle sembra una persona golosa. comunque nel 1961 è venuta a torino per italia 61 e magari l’ha assaggiato … altro che i cetrioli inglesi!

  • elettra

    Febbraio 28, 2012 at 9:33 pm

    @ Paola grazissime..mi dispiaceva proprio averne perso un pezzo…….quella scena l’ho vista….che ti devo dire? E’ abberrante! quando vedo certe cose, credo di essere una di quelle persone, che più conosce gli uomini, più ama gli animali…anche se non è giusto…..

  • paola

    Febbraio 28, 2012 at 9:58 pm

    io sapevo che la regina Elisabetta era golosa di uova fritte con pancetta e panna (alla faccia del colesterolo!!), ma diversi anni fa il medico di corte la mise a dieta e le proibì la panna (le uova e la pancetta invece sì :))

    M. Paola

  • paola

    Febbraio 28, 2012 at 10:20 pm

    @Elettra, pensa che io me lo sono rivisto tutto su youtube il film su Farah! credo sia del 2008/9, quindi prima del suicidio di Alì Reza… Farah è una donna molto forte, dal film si capisce che i colpi della vita non l’hanno avuta vinta su di lei, per niente, ma chissà come starà ora con questo ultimo lutto! Dal film esce fuori una donna con un grande senso di responsabilità, una donna intimamente molto sola (almeno è stata la mia impressione) ma alla quale piace anche tanto vivere, nonostante tutto.

    M. Paola

  • Ale

    Febbraio 29, 2012 at 11:47 am

    @paola qualunque cura faccia la regina elisabetta direi che il suo dottore può esserne fiero. non sono molte le persone del ’26 che vanno in giro per il mondo, che hanno le sue responsabilità e la sua energia. anche il principe filippo se la cava egregiamente, al matrimonio di william e kate sono rimasto stupito dall’agilità dei sovrani nel salire e scendere da macchine e carrozze.

  • Ale

    Febbraio 29, 2012 at 11:56 am

    anche se non c’entra niente lo scrivo qui.
    ieri sera mentre mi lavavo i denti mi è venuta in mente una domanda per gli storici e appassionati di alberi genealoci: oltre i tre casi di casa savoia nelle altre famiglie reali europee è mai capitato che degli zii sposassero una loro nipote? personalmente lo trovo orrendo e contro natura. grazie in anticipo per le eventuali risposte

  • marina

    Febbraio 29, 2012 at 12:28 pm

    @ Ale sono come al solito di gran fretta, ma non ho potuto resistere e ti rispondo al volo senza controllare tutti i nomi sulle tavole genealogiche: certo che si, gli Asburgo di Spagna e di Austria erano specialisti nel genere 😉 a cominciare da Filippo II la cui quarta moglie è la figlia di sua sorella. e poi anche i Borboni fra quelli di Spagna e Napoli. sai le mogli morivano presto e man mano che si andava avanti quelle della stessa generazione erano invecchiate così si doveva ripiegare sulla generazione successiva.

  • paola

    Febbraio 29, 2012 at 2:22 pm

    @Ale1, anch’io trovo orrendo sposarsi tra zio/a e nipote, dico anche zia perchè è capitato che una zia abbia sposato un nipote: per es. Giuseppe di Braganza, erede al trono portoghese, sposò sua zia Maria Francesca, lei aveva circa 30 anni e lui 15…

    @Ale2, si dice che la cucina inglese non sia molto leggera, ma in effetti la coppia Elisabetta-Filippo è veramente in gamba. Una mia amica diceva: se mi piace tanto un cibo e lo mangio in quantità significa che il mio organismo lo richiede! 😀

    M. Paola

  • elettra

    Febbraio 29, 2012 at 3:17 pm

    Matrimoni tra consanguinei, o meglio zii e nipoti… sapevo che c’era stato il caso di Giuseppe di Braganza e M.Francesca, ma non di altri…invece…
    @Paola se basta solo evitare la panna e rimpinzarsi di uova e bacon, per ottenere risultati eccellenti, puoi giurarci che da domani comincerò questa dieta!
    Ho visto tutto il film, su youtube…bellissimo…grande donna questa Farah, al di là di tutto quello può aver combinato il marito…..deve essere stata anche una buona compagna, e a meno che non sia una grande attrice, deve essere stata molto innamorata… anche Soraya si dice fosse molto innamorata dello Scià…probabilmente era un uomo affascinante…poi magari come re e sovrano di un popolo……..

  • Ale

    Febbraio 29, 2012 at 7:39 pm

    grazie a tutti! sapevo che mi avreste risposto.
    @marina in effetti sono stato sciocco a non aver pensato agli asburgo, quelli erano così tanti che spesso si inciuciavano pure tra di loro.
    @elettra io conoscevo solo quello tra amedeo d’aosta e letizia bonaparte (1888) figlia della sorella, quello del duca di chiablese con la figlia di suo fratello vittorio amedeo III, e quello del cardinale maurizio con la figlia di suo fratello vittorio amedeo I. ovviamente il cardinale ha lasciato la porpora per sposarsi e così porre fine alla guerra civile con la cognata.
    @paola zia e nipote se posso dire mi fa ancora più effetto, non ci avevo mai pensato. gran bella massima quella della tua amica, mi sa che allora il mio organismo ha bisogno di molta cioccolata!

  • paola

    Febbraio 29, 2012 at 10:59 pm

    @Ale, @Elettra: quando si sposavano tra zii e nipoti spesso non si erano mai visti prima (magari lo zio stava a Madrid e la nipote era nata e cresciuta in Austria) ed è comunque inconcepibile per la nostra mentalità, ma pensate che invece nel caso di Giuseppe e la zia M. francesca si conoscevano da sempre, anzi lei l’aveva visto nascere! per me è una cosa repellente!! poi chissà se questo matrimonio in particolare fu mai consumato, comunque non nacquero figli…

    M. Paola

  • CloseTheDoor

    Marzo 1, 2012 at 3:10 am

    Bel post grazie, avevo visto uno spezzone del film tempo fa e proprio l’altroieri mi sono tolta lo sfizio di guardarmelo tutto dall’inizio alla fine.

    Splendido, ho adorato l’interpretazione di Helen Mirren, che conoscevo poco, e di James Cromwell nell’antipaticissimo principe Filippo. Per rispondere a qualche commentatore più su: i miei corrispondenti britannici mi dicono che Filippo è il membro della famiglia reale più detestato in quanto capace di “sparate” caustiche, razziste e omofobe, ormai del tutto disallineato al comune sentire delle persone. Nel film questo temperamento traspare bene direi!

    Ho trovato il film molto verosimile nel dipingere le reazioni di Elisabetta e nella relazione Regina/Primo Ministro, ho il ricordo di notizie dell’epoca in cui si spiegava che Tony Blair aveva avuto un ruolo determinante nello “spiegare” alla famiglia reale quello che stava accadendo in Inghilterra, salvando di fatto la monarchia.

    Invece, la metafora del cervo a me aveva fatto venire in mente Elisabetta stessa, braccata e costretta in un ruolo non suo per anni, e alla fine uccisa – in quanto quello che le chiedevano di fare per lei era umiliarsi pubblicamente per una persona che l’aveva sempre detestata. Ma forse mi sbaglio.

  • elettra

    Marzo 1, 2012 at 2:00 pm

    un attimo di pausa tra una mattinata da scordare -sciopero dei mezzi pubblici compresi- e un pomeriggio che non vedo l’ora finisca……
    @Closethedoor… intanto complimenti per il magnifico e sicuramente originale nick…poi …sì, concordo su tutto quello che hai scritto sia su Blair che su Filippo…mi piace moltissimo anche la tua interpretazione sulla caccia e morte del cervo… trovo che calza anche così!
    Certamente se la morte di Diana fosse avvenuta qualche anno più tardi e dopo che gli animi si erano calmati, o se la famiglia reale, in quel momento non si fosse arroccata su certe posizioni intransigenti, le cose sarebbero andate diversamente…..

  • Ale

    Marzo 1, 2012 at 3:47 pm

    @paola nei casi che conoscevo io, praticamente quelli di casa savoia, gli zii non solo hanno visto nascere le nipoti ma addirittura vivevano nello stesso palazzo. concordo in pieno sul fatto che sia una cosa repellente. infatti nel caso del duca d’aosta fu un vero scandalo e umberto I era profondamente contrario, anche se alla fine cedette alle insistenze del fratello. da quel matrimonio nacque poi umberto conte di salemi, poco considerato in famiglia e unica vittima sabauda della prima guerra mondiale.
    @closethedoor@elettra anche a me piace molto l’interpretazione di helen mirren che non a caso ha vinto l’oscar per quel ruolo, anche se secondo me la regina elisabetta cammina in modo diverso.

  • paola

    Marzo 1, 2012 at 10:34 pm

    @Ale, a proposito di M. Anna di Savoia che sposò suo zio Benedetto su wikipedia c’è scritto:”Ebbe buoni rapporti… con Benedetto che vide però sempre come suo zio e non come marito” ed è riportata anche la fonte della citazione

    http://it.wikipedia.org/wiki/Maria_Anna_di_Savoia_(1757-1824)

    in effetti c’è da capirla, naturalmente dal matrimonio non nacquero figli.

    M. Paola

  • elettra

    Marzo 2, 2012 at 7:16 am

    @Paola…@Ale …..ma se questi matrimoni erano solo di facciata, cioè non venivano (e menomale!) consumati e non davano eredi a cosa servivano? non per appagare l’ardore….le proprietà erano già in famiglia e lì restavano……non riesco a capire il perchè…….c’era un motivo?

  • Matteo

    Marzo 2, 2012 at 12:58 pm

    @Ale, @Marina: cavolo mi ero perso questo quesito dei matrimoni tra zii/nipoti, è pane per i miei denti:!!!

    Per gli Asburgo:
    – S.M.il Re Filippo II di Spagna sposò in quarte nozze sua nipote, S.A.I.R. l’Arciduchessa Maria Anna d’Austria, figlia della sorella.
    – S.A.I.R.l’Arciduca Ferdinando II (1529-95), Conte del Tirolo, sposò sua nipote S.A.la Principessa Anna Gonzaga di Mantova, figlia di sua sorella;
    – S.A.I.R.l’Arciduca Carlo (1540-90), Duca di Carinzia, sposò sua ipote S.A.S.la Principessa Maria Anna di Baviera, figlia di sua sorella;
    – S.M.l’Imperatore e Re Leopoldo II sposò in prime nozze sua nipote, S.A.I.R.l’Arciduchessa Margherita d’Austria, Infanta di Spagna, figlia di sua sorella;
    – S.A.R.il Granduca Leopoldo I di Baden sposò sua (pro)nipote S.A.R.la Principessa Sofia Gugliemina di Svezia (la nonna di lei era sorella di lui);

    Per le varie stirpi capetinge:
    – Roberto II, Conte di Dreux, Principe del Sangue di Francia, sposa sua nipote Isabella di Coucy, figlia di sua sorella
    – S.M.il Re Ferdinando VII di Spagna sposa in seconde nozze sua nipote, S.A.R.l’Infanta Maria Isabella di Portogallo, figlia della sorella, e in quarte nozze un’altra sua nipote S.A.R.la Principessa Maria Cristina delle Due Sicilie, figlia di un altra sorella, quindi BEN DUE NIPOTI (e le altre due una prima cugina e l’altra appena più distaccata);
    – S.A.R.l’Infante don Carlo di Spagna, Conte di Molina (fratello del precedente) e Primo Pretendente Carlista, sposa in prime nozze sua nipote S.A.R.l’Infanta Maria Francesca di Portogallo, figlia di sua sorella (la stessa di sopra), e la seconda moglie, S.A.R.l’Infanta Maria Teresa di Portogallo, è sorella della prima, quindi anche qui BEN DUE NIPOTI;
    – S.A.R.l’Infante don Francesco di Paola di Spagna (fratello dei sopra) sposa in prime nozze sua nipote S.A.R.la Principessa Luisa delle Due Sicilie, figlia della sorella;
    – S.M.il Re Emanuele I di Portogallo sposa in terze nozze S.A.I.R.l’Arciduchessa Eleonora d’Austria, caso leggermente diverso perchè era nipote delle due prime mogli e quindi nipote acquisita;
    – L’Infante dom Giovanni di Portogallo, Conte di Aveiro (1400-42), sposa sua nipote donna Isabella de Braganza, figlia del fratello (fratellastro naturale);
    – S.A.R.l’Infante Giuseppe di Portogallo, Principe di Beira, sposò sua zia S.A.R.Maria Francesca di Portogallo, sorella della madre (S.M.la Regina Maria I); la stessa Regina Maria I sposò suo zio S.M.il Re Pietro III di Portogallo, fratello del padre;
    – S.Ecc.Dom Vasco de Mascarenhas e Lencastre de Portugal-Castro, Conte di Obidos (+1678) (ramo naturale portoghese) sposò in seconde nozze sua nipote donna Giovanna Francesca de Villena;
    – il trisnonno dell’attuale duchessa di Cadaval (sposatà al duca d’Angiò e neo mamma), Dom Giacomo, Marchese di Cadaval sposò sua nipote Donna Maria della Pietà Alvares Pereira de Melo;

    Stirpi carolinge:
    – S.A.S.il Langravio Ernesto Costantino d’Assia Philippsthal sposò sua nipote S.A.S.la Langravia Carolina d’Assia-Philippsthal, figlia del fratello maggiore;
    – S.A.S.Gustavo, il penultimo Sovrano dell’Assia-Homburg sposò sua nipote S.A.S.la Principessa Luisa di Anhalt, figlia della sorella;

    Hohenzollern:
    – S.A.R.il Principe Augusto Ferdinando di Prussia sposò sua nipote S.A.S.la Margravia Luisa di Brandeburgo-Schewdt;

    Sassonia:
    – S.A.S.il Principe Eugenio di Sassonia-Hildburghausen sposò sua nipote S.A.S.la principessa Carolina di Sassonia-Hildburghausen;
    – il padre del principe consorte Alberto sposò il seconde nozze sua nipote S.A.R.la duchessa Maria di Württemberg;

    Savoia (come già detti da qualcuno):
    – S.A.R.il principe Benedetto duca di Chiablese sposò sua nipote S.A.R.la principessa Maria Anna, figlia del suo fratellastro maggiore;
    – Maurizio di Savoia, ex abate, ex vescovo ex cardinale e principe di Oneglia sposò sua nipote Luisa di Savoia, figlia di suo fratello;
    – S.A.R.il duca Amedeo di Aosta, ex Re di Spagna, sposò in seconde nozze sua nipote S.A.I.la Principessa Letizia Napoleon;

    Varie:
    – il duca Guido de La Rochefoucauld de LaRocheguyon sposò sua nipote Maria Luisa di LaRochefoucauld;
    – il duca Luigi Alessandro di LaRochefoucauld sposò sua nipote Alessandrina di Chabot, figlia di sua sorella;
    – S.A.S.il Principe Riccardo di Metternich (figlio del grande Metternich) sposò sua nipote la Contessa Paolina Sandor, figlia di sua sorella (sorellastra, stesso padre madre diversa);
    – il marchese Matteo Fernando di Noailles sposò sua nipote Iolanda di Noailles, figlia del fratello; detta Iolanda è morta nel 1976 non mille anni fa :-);
    – il conte Lothar di Oettingenn (sec. XVI) sposò sua nipote la contessa Claudia di Hohenfels-Reipoltskirchen, figlia della sorella;
    – il principe e duca Luigi Vittorio di Rohan de Montbazon de Guémené sposò sua nipote Berta di Rohan-Guémene, figlia del fratello;
    – S.A.R.il principe Nicola di Württemberg sposò sua nipote S.A.R.la principessa Guglielmina, figlia di suo fratello (siamo cmq alle soglie del Novecento);
    – il Re Ferrante II di Napoli sposò sua zia Giovanna d’ARagona;
    – l’Ecc.mo don Pietro Fernandez de Cordoba ecc…ecc…duca di Segorbe sposò in terze nozze sua nipote donna Anna Caterina de la Cerda y de Aragona, figlia della sorella;
    – don Giovanni, 12°conte di Alba de Liste, sposò sua nipote donna Isabella Enriquez de Almansa, figlia del fratello; mentre la terza moglie era figlia di un fratello della prima, quindi nipote acquisista;
    – don Luis, 8°conte di Villareal, sposò sua nipote donna Maria de Menezes, duchessa di Caminha, figlia del fratello;
    – don Ferdinando Borgia, principe di Squillache sposò sua nipote Maria Borgia principessa di Squillache; suo zio Alvaro, marchese di Alcanices, sposò la nipote Elvira de Almansa, figlia della sorella;
    – Francesco Caracciolo, marchese di Casalbore, sposò sua nipote Porzia Montalto, figlia della sorella;
    – la principessa Diodata Caracciolo di Torre dell’Isola sposò sua zio Fabio Caracciolo, fratello del padre;
    – il duca Gennaro e la duchessa Maria Caracciolo di Rodi erano zio e nipote;
    – Luigi Caracciolo, duca di Venosa, sposò sua nipote Angela d’Aiello, figlia della sorella;
    – Nicola Caracciolo, duca di Mignano, sposò la principessa Carolina Doria, che era la vedova di un figlio del fratello di lui;
    – la contessa Giulia Carafa di Policastro sposò il fratello del padre Fabrizio Carafa;
    – Vito Carafa, barone di Cuddia, sposò la nipote Clemenza Lanzarotta;

    penso che la storia sia strapiena di questi casi che oggi ci paiono strani 🙂 scusate se vi ho stordito 🙂

  • Matteo

    Marzo 2, 2012 at 1:03 pm

    @ Elettra: ma dipende alcuni venivano consumati, altri no. Ci sono entrambi i casi…

  • marina

    Marzo 2, 2012 at 2:10 pm

    cioè MATTEO che dire? ecco io sono rimasta stordita si ma in senso positivo, gli altri non so. sei davvero bravissimo e magari ci facciamo un post apposito perché il tema, vista la discussione merita. ma c’è anche Filippo IV che in seconde nozze sposa la nipote. dicevo appunto che agli Asburgo, notoriamente ed appassionatamente endogamici la cosa piaceva molto.
    in quei casi – Asburgo – se devo dire il vero non mi scandalizzo più di tanto nel senso che gli sposi non si sono mai visti, quindi in fondo. è la differenza di età la vera tragedia. ah e vi ricordo che Paolo di Grecia sposa Frederika che è la figlia di una sua cugina di primo grado.

  • elettra

    Marzo 2, 2012 at 2:27 pm

    @ Matteo,ma perchè ci perdi di vista? sai che siamo delle schegge e voliamo di qua e di là con quesiti sempre nuovi e stimolanti…..devi sempre restare in linea!!!!sì anch’io posso dirmi stordita come Marina!Altro che la lunga storia di Marianna Ucria! qui è la lista, a essere lunga!.. e noto che compaiono anche vescovi e cardinali…se Marina ci fa un post, sarà al peperoncino…piccantello, direi!

  • Sofia

    Marzo 2, 2012 at 2:31 pm

    @ Matteo
    fantastico, assolutamente fantastico!
    una passione per le genalogie, senza dubbio. quanti libri devi aver letto/studiato!

  • Sofia

    Marzo 2, 2012 at 2:36 pm

    La dispensa papale era necessaria per i matrimoni tra cugini, mi sembra. Era necessaria anche per il matrimonio tra zio e nipote, immagino. Sbaglio?
    Vista con gli occhi di oggi, queste nozze sicuramente scandalizzano, ma Marina ha ragione nel dire che, all’epoca, si trattava di estranei che vivevano spesso in Stati diversi e non si erano mai conosciuti.
    Comunque, che fascino hanno le genealogie e gli intrecci tra case nobili/reali!

  • Matteo

    Marzo 2, 2012 at 2:40 pm

    Penso che se dobbiamo elencare i matrimoni fra cugini di primo grado tra i royals non finiamo più. Ma questa era una cosa tipica non solo delle Case Reali che dovevano scegliersi tra un numero ristretto di persone, ma anche tra le persone comuni, specialmente nei paesi non tanto grandi. Personalmente so che nel mio paese tra sette e ottocento un matrimonio su due necessitava di consenso vescovile perchè consanguinei.

  • Matteo

    Marzo 2, 2012 at 2:44 pm

    @Marina: yes ho saltato Filippo IV perchè mentre scrivevo trafficavo anche con altro e trattandosi di omonimia nella moglie (Maria Anna d’Austria) pensavo di averlo già scritto 🙂

  • Davide

    Marzo 2, 2012 at 2:50 pm

    Sapete qual’e la musica di sottofondo del promo su rai movie?

  • elettra

    Marzo 2, 2012 at 2:58 pm

    Elisabetta nelle immagini di Myroyal, mi fa una grande tenerezza, con quelle scarpe sformate e la borsa di vernice anni ’60….. mia madre ne deve avere ancora una uguale uguale in qualche baule… fatemi capire è la regina fuori moda o sono io che ancora non apprezzo il vintage? se è così, oggi butto giù tutta la soffitta e da domani anch’io sfoggio una borsa stile Elisabetta!

  • Matteo

    Marzo 2, 2012 at 3:04 pm

    Voglio dire ci sarà un motivo per cui il nostro re Vittorio Emanuele III non era notoriamente un gigante…dopo un po la genetica cede…

    Umberto I e Margherita erano figli di fratelli;

    Vittorio Emanuele II e Maria Adelaide d’Austria erano figli di fratello e sorella;

    Quindi Carlo Alberto sposò Maria Teresa d’Austria (non sarà stata prima cugina di Carlo Alberto, ma era pur sempre cugina prima di Maria Adelaide sopradetta). Senza contare che il padre di Maria Adelaide, Ranieri, sposò la sorella di Carlo Alberto, Maria Elisabetta.

    Esempio: chi era Maria Elisabetta di Savoia per il Re Umberto I? 1) La sorella di suo nonno paterno (quindi prozia), 2) sua nonna materna, 3) zia di sua nonna paterna, ecc…

    Se poi consideriamo il ramo materno della Regina Margherita vediamo che sua madre, una Sassonia, era figlia di Amalia di Baviera (zia di Sissi) e del re di Sassonia il cui padre era cugino di primo grado di Carlo Alberto.

    Direi che la parola adatta è GARBUGLIO.

    Non so magari Marina vuole pubblicare qualche schemino, se non ha tempo glieli preparo 🙂

  • alessia

    Marzo 2, 2012 at 4:03 pm

    Ho visto anche io questo film non so quante volte… forse un centinaio. E posso fare le seguenti considerazioni:
    – Carissima Sofia @ non penso che il principe Filippo sia stato tanto vicino ai nipoti durante la morte della madre… e stato un pessimo padre nei confronti di carlo figuriamoci se era in grado di consolare quei due ragazzi in quel momento.
    – William ed Henry erano molto attaccati alla madre e penso che abbiano fatto il diavolo a quattro per stare un ultima volta con la madre. Sono due ragazzi che secondo me sanno quello che vogliano. Basta vedere con chi si è sposato William.
    – Elisabetta è una donna che è stata educata in una certa maniera, vale a dire a non mostrare in pubblico i suoi sentimenti e dal giorno alla sera il popolo britannico gli chiedeva di piangere per una persona che per tutta la vita si è mostrata ingrata. La questione di fondo è che Diana era una persona particolare che ha fatto del bene, ma che non era adatta a Carlo.

  • Ale

    Marzo 2, 2012 at 5:53 pm

    @matteo grazie devo dire che hai fatto una panoramica completa, complimenti! ti conviene seguirci perchè anche a me interessano gli intrecci genealogici e non sono ancora esperto come te. l’esempio di vittorio emanuele III che hai fatto calza proprio a pennello e vale lo stesso per il povero oddone di savoia, figlio di vittorio emanuele II. uno dei motivi per cui la regina margherita accettò elena di montenegro come nuora è perchè portava un pò di sangue nuovo visto che non avevano parentele in comune e ciò sopperì certamente al suo lignaggio inferiore.
    tante volte mi sono chiesto come umberto I chiamasse maria elisabetta, probabilmente nonna che è il grado di parentela più importante. comunque si, garbuglio è proprio la parola più adatta.

  • Matteo

    Marzo 2, 2012 at 6:35 pm

    @Ale: ma probabilmente l’ha chiamava semplicemente “Signora”, non so quanta confidenza ci fosse…:-)

  • Ale

    Marzo 2, 2012 at 6:53 pm

    @matteo l’unico modo per saperlo sarebbe leggere una lettara di umberto. il mistero è se alla nonna ne abbia mai scritta una visto che è morta nel 1856 quando lui aveva solo 12 anni.

  • paola

    Marzo 2, 2012 at 10:33 pm

    @Matteo sei veramente mitico! anzi ora mi stampo la tua lista di matrimoni endogamici perchè adoro la genealogia delle famiglie reali!
    A proposito io ti avevo posto un quesito “dinastico” sulla granduchessa di Mecklemburgo Schwerin sul post di Paola del belgio

    http://www.altezzareale.com/2012/01/31/ultimi-articoli/i-diademi-della-regina-del-belgio/

    se hai voglia di rispondere mi fai piacere perchè mi sono un po’ persa tra tutti questi Strelitz e Schwerin 🙂

    M. Paola

  • marina

    Marzo 2, 2012 at 11:12 pm

    mannaggia la lista di Matteo è passata nell’altra pagina, senti la rimetti anche qua così non se la perde nessuno? grazie!
    volevo dirvi che vi adoro, non è facile trovare un gruppo di persone che vanno in estasi per la lista dei matrimoni zio-nipote nella famiglie reali europee 😀
    @ paola ci sono dei momenti in cui mi ripasso mentalmente i legami di parentela, tipo oggi mentre facevo i pacchi, quelli fra Elisabetta e Filippo, facili, facili, ma fare i pacchi è stressante e di più non potevo.

  • lukas

    Marzo 3, 2012 at 1:35 am

    Matteo, piccolissima correzione: degli Asburgo fu Leopoldo I a sposare la quindicenne nipote Margherita di Spagna ( ritratta nel dipinto di Velasquez che potete ammirare a Vienna), non Leopoldo II che invece sposò Maria Luisa di Borbone (quella che definì la Clemenza di Tito di Mozart “porcheria tedesca”) ed ebbe da lei 16 figli.

  • Matteo

    Marzo 3, 2012 at 4:04 pm

    Ecco Marina come richiesto:

    @Ale, @Marina: cavolo mi ero perso questo quesito dei matrimoni tra zii/nipoti, è pane per i miei denti:!!!

    Per gli Asburgo:
    – S.M.il Re Filippo II di Spagna sposò in quarte nozze sua nipote, S.A.I.R. l’Arciduchessa Maria Anna d’Austria, figlia della sorella.
    – S.A.I.R.l’Arciduca Ferdinando II (1529-95), Conte del Tirolo, sposò sua nipote S.A.la Principessa Anna Gonzaga di Mantova, figlia di sua sorella;
    – S.A.I.R.l’Arciduca Carlo (1540-90), Duca di Carinzia, sposò sua ipote S.A.S.la Principessa Maria Anna di Baviera, figlia di sua sorella;
    – S.M.l’Imperatore e Re Leopoldo I sposò in prime nozze sua nipote, S.A.I.R.l’Arciduchessa Margherita d’Austria, Infanta di Spagna, figlia di sua sorella;
    – S.A.R.il Granduca Leopoldo I di Baden sposò sua (pro)nipote S.A.R.la Principessa Sofia Gugliemina di Svezia (la nonna di lei era sorella di lui);

    Per le varie stirpi capetinge:
    – Roberto II, Conte di Dreux, Principe del Sangue di Francia, sposa sua nipote Isabella di Coucy, figlia di sua sorella
    – S.M.il Re Ferdinando VII di Spagna sposa in seconde nozze sua nipote, S.A.R.l’Infanta Maria Isabella di Portogallo, figlia della sorella, e in quarte nozze un’altra sua nipote S.A.R.la Principessa Maria Cristina delle Due Sicilie, figlia di un altra sorella, quindi BEN DUE NIPOTI (e le altre due una prima cugina e l’altra appena più distaccata);
    – S.A.R.l’Infante don Carlo di Spagna, Conte di Molina (fratello del precedente) e Primo Pretendente Carlista, sposa in prime nozze sua nipote S.A.R.l’Infanta Maria Francesca di Portogallo, figlia di sua sorella (la stessa di sopra), e la seconda moglie, S.A.R.l’Infanta Maria Teresa di Portogallo, è sorella della prima, quindi anche qui BEN DUE NIPOTI;
    – S.A.R.l’Infante don Francesco di Paola di Spagna (fratello dei sopra) sposa in prime nozze sua nipote S.A.R.la Principessa Luisa delle Due Sicilie, figlia della sorella;
    – S.M.il Re Emanuele I di Portogallo sposa in terze nozze S.A.I.R.l’Arciduchessa Eleonora d’Austria, caso leggermente diverso perchè era nipote delle due prime mogli e quindi nipote acquisita;
    – L’Infante dom Giovanni di Portogallo, Conte di Aveiro (1400-42), sposa sua nipote donna Isabella de Braganza, figlia del fratello (fratellastro naturale);
    – S.A.R.l’Infante Giuseppe di Portogallo, Principe di Beira, sposò sua zia S.A.R.Maria Francesca di Portogallo, sorella della madre (S.M.la Regina Maria I); la stessa Regina Maria I sposò suo zio S.M.il Re Pietro III di Portogallo, fratello del padre;
    – S.Ecc.Dom Vasco de Mascarenhas e Lencastre de Portugal-Castro, Conte di Obidos (+1678) (ramo naturale portoghese) sposò in seconde nozze sua nipote donna Giovanna Francesca de Villena;
    – il trisnonno dell’attuale duchessa di Cadaval (sposatà al duca d’Angiò e neo mamma), Dom Giacomo, Marchese di Cadaval sposò sua nipote Donna Maria della Pietà Alvares Pereira de Melo;

    Stirpi carolinge:
    – S.A.S.il Langravio Ernesto Costantino d’Assia Philippsthal sposò sua nipote S.A.S.la Langravia Carolina d’Assia-Philippsthal, figlia del fratello maggiore;
    – S.A.S.Gustavo, il penultimo Sovrano dell’Assia-Homburg sposò sua nipote S.A.S.la Principessa Luisa di Anhalt, figlia della sorella;

    Hohenzollern:
    – S.A.R.il Principe Augusto Ferdinando di Prussia sposò sua nipote S.A.S.la Margravia Luisa di Brandeburgo-Schewdt;

    Sassonia:
    – S.A.S.il Principe Eugenio di Sassonia-Hildburghausen sposò sua nipote S.A.S.la principessa Carolina di Sassonia-Hildburghausen;
    – il padre del principe consorte Alberto sposò il seconde nozze sua nipote S.A.R.la duchessa Maria di Württemberg;

    Savoia (come già detti da qualcuno):
    – S.A.R.il principe Benedetto duca di Chiablese sposò sua nipote S.A.R.la principessa Maria Anna, figlia del suo fratellastro maggiore;
    – Maurizio di Savoia, ex abate, ex vescovo ex cardinale e principe di Oneglia sposò sua nipote Luisa di Savoia, figlia di suo fratello;
    – S.A.R.il duca Amedeo di Aosta, ex Re di Spagna, sposò in seconde nozze sua nipote S.A.I.la Principessa Letizia Napoleon;

    Varie:
    – il duca Guido de La Rochefoucauld de LaRocheguyon sposò sua nipote Maria Luisa di LaRochefoucauld;
    – il duca Luigi Alessandro di LaRochefoucauld sposò sua nipote Alessandrina di Chabot, figlia di sua sorella;
    – S.A.S.il Principe Riccardo di Metternich (figlio del grande Metternich) sposò sua nipote la Contessa Paolina Sandor, figlia di sua sorella (sorellastra, stesso padre madre diversa);
    – il marchese Matteo Fernando di Noailles sposò sua nipote Iolanda di Noailles, figlia del fratello; detta Iolanda è morta nel 1976 non mille anni fa 🙂 ;
    – il conte Lothar di Oettingenn (sec. XVI) sposò sua nipote la contessa Claudia di Hohenfels-Reipoltskirchen, figlia della sorella;
    – il principe e duca Luigi Vittorio di Rohan de Montbazon de Guémené sposò sua nipote Berta di Rohan-Guémene, figlia del fratello;
    – S.A.R.il principe Nicola di Württemberg sposò sua nipote S.A.R.la principessa Guglielmina, figlia di suo fratello (siamo cmq alle soglie del Novecento);
    – il Re Ferrante II di Napoli sposò sua zia Giovanna d’ARagona;
    – l’Ecc.mo don Pietro Fernandez de Cordoba ecc…ecc…duca di Segorbe sposò in terze nozze sua nipote donna Anna Caterina de la Cerda y de Aragona, figlia della sorella;
    – don Giovanni, 12°conte di Alba de Liste, sposò sua nipote donna Isabella Enriquez de Almansa, figlia del fratello; mentre la terza moglie era figlia di un fratello della prima, quindi nipote acquisista;
    – don Luis, 8°conte di Villareal, sposò sua nipote donna Maria de Menezes, duchessa di Caminha, figlia del fratello;
    – don Ferdinando Borgia, principe di Squillache sposò sua nipote Maria Borgia principessa di Squillache; suo zio Alvaro, marchese di Alcanices, sposò la nipote Elvira de Almansa, figlia della sorella;
    – Francesco Caracciolo, marchese di Casalbore, sposò sua nipote Porzia Montalto, figlia della sorella;
    – la principessa Diodata Caracciolo di Torre dell’Isola sposò sua zio Fabio Caracciolo, fratello del padre;
    – il duca Gennaro e la duchessa Maria Caracciolo di Rodi erano zio e nipote;
    – Luigi Caracciolo, duca di Venosa, sposò sua nipote Angela d’Aiello, figlia della sorella;
    – Nicola Caracciolo, duca di Mignano, sposò la principessa Carolina Doria, che era la vedova di un figlio del fratello di lui;
    – la contessa Giulia Carafa di Policastro sposò il fratello del padre Fabrizio Carafa;
    – Vito Carafa, barone di Cuddia, sposò la nipote Clemenza Lanzarotta;

    penso che la storia sia strapiena di questi casi che oggi ci paiono strani 🙂 scusate se vi ho stordito 🙂

  • Matteo

    Marzo 3, 2012 at 4:05 pm

    @ Lukas: si mi è scappata una “I” 🙂

  • Matteo

    Marzo 3, 2012 at 4:17 pm

    @Paola: mi sono dimenticato, il problema è che la gran parte delle volte leggo sul telefono e non riesco a mettermi li a scrivere e poi mi va fuori di mente 🙂

    Mi ricordo che la domanda nasceva per via della morte dell’ultima granduchessa ereditaria di Meclemburgo-Schwerin. Ovviamente si vi è la legge salica, lei, nata Karin von Schaper, era la vedova di S.A.R.il granduca ereditario Federico Francesco (de jure V), figlio dell’ultimo granduca regnante S.A.R.Federico Francesco IV. La coppia era senza figli. Essendo già premorto il fratello di lui (Cristiano Ludovico nel 96, che ha lasciato due figlie) il titolo di Capo del Casato e Granduca Titolare (del tutto il Meclemburgo) è passato a S.A.il Principe Borwin, già Capo della Casa di Meclemburgo-Strelitz.

    Il passaggio al suicidio dell’ultimo regnante di Strelitz al sovrano di Schwerin fu una sorta di reggenza vista la lontananza in guerra dell’erede presunto. E’ una cosa un po complicata vista anche la presenza di un matrimonio morganatico poi parificato. In ogni caso le due linee sono andate avanti insieme fino al 2001 quando gli Schwerin si sono estinti. Per forza di cose l’uno è erede dell’altro (tenendo presente che nella linea di successione, in mezzo sono esclusi i discendenti del principe Enrico, nonno della regina Beatrice) 🙂

    Cmq non ne so molto.

  • paola

    Marzo 4, 2012 at 12:55 pm

    Grazie Matteo, non sapevo che il matrimonio morganatico del (credo) bisnonno di Borwin fosse stato parificato.
    In ogni caso se non sbaglio anche l’attuale linea legittima del Baden discende da un matrimonio morganatico, cioè a un certo punto gli Zahringen si ritrovarono senza eredi maschi e così fu parificato il matrimonio del granduca del Baden Carlo federico con una baronessa, di modo che il loro figlio Leopoldo potè ereditare il titolo.

    M. Paola

  • paola

    Marzo 4, 2012 at 3:05 pm

    su Myroyals ho visto le foto della regina Elisabetta, Camilla e Catherine in una cerimonia pubblica. Non sono mai stata contraria al matrimonio tra Camilla e Carlo, anzi, ma da sempre dico che loro avrebbero dovuto sposarsi e che Diana dovrebbe essere ancora qui fra noi (con tutte le conseguenze del caso per Carlo e Camilla, ma tutto non si può avere). Quindi dalla morte di Diana non li ho più guardati con simpatia (è una mia opinione ovviamente). Però devo ammettere che la Camilla deve essere una donna davvero piacevole, sorride sempre, per Carlo (e per molti altri uomini) questo è un grande dono. La povera Diana, al cui ricordo comunque per vari motivi mi sento particolarmente legata, non ha mai espresso il buon umore e la simpatia di Camilla, che penso sia una donna molto più pratica e anche un tantino più “scafata” della defunta principessa del Galles (insomma mi sa di una che prende il meglio dalla vita e il resto lo lascia perdere :))

    M. Paola

  • Lady Vivian

    Marzo 5, 2012 at 4:35 am

    Buongiorno M.Paola, riguardo a Diana che nonostante tutto dovrebbe essere ancora qui’, sono daccordo con te’ …brava (complimenti).

    Alessia io ho scritto qualcosa per Maxima se ti interessa ho preferito spostarmi sul suo bellissimo profilo … ciao

    Marina Buongiorno, se lo ritiene opportuno scancelli il commento… come sempre, grazie

    Per Camilla, proprio per una questione mia personale, anche se e’ passato tempo non riesco ancora a digerirla…
    Mi fa’ uno strano effetto, dovete scusarmi.
    Invece per Kate ho toppato, mi sono dovuta ricredere, mi piace e mi da’ segnali positivi,
    ( in ritardissimo) ma e’ presto non e’ nemmeno passato un anno dal matrimonio, comunque tutto Okay forza Kate!
    Per ora come voto e’ gia’ un bel 6+
    P.s scusi Marina se delle volte sono stata un po’ burlona con Kate, ma dovevo mettere le idee in chiaro.

    Cammilla, io non lo so’, sicuramente sono io che sbaglio, ma lei ha sempre avuto, e ripeto questo fin da ragazza, questa immagine INDURITA, anche quando sorrideva, e poi mi da’ un che’ d’arrogante.
    Sicura di sè, questo e’ fuori dubbio.
    Al matrimonio di Kate e William, la Camilla, quando entro’ Elisabetta in chiesa, ai saluti formali, ha provato a baciare Elisabetta sulla guancia, ma la Regina l’ha fulminata con lo sguardo e con un cenno del capo di negazione ha rimesso Camilla alla sola reverenza.
    Mentre poi si vede chiaramente Camilla che bacia nella guancia il Principe Filippo, e lui tutto sorridente e contento.
    No! non ci siamo.
    Camilla voto 4-

    Io sono sempre stata dell’idea che l’incidente di Lady Diana non fosse causuale,( mentre quello di Grace Kelly, penso che lei si sia sentita gia’ male pochi attimi prima dell’incidente,e fin qui’ mi torna)per Lady Diana le cose sono state un pochino diverse.
    Di tutta questa vicenda ( Dio mi perdoni) il Principe Filippo mi da’ segnali strani, ma molto forti, spero di sbagliarmi.
    Filippo e’ sempre stato un grande donnaiolo, in Inghilterra lo sanno tutti, adesso forse un po’ meno, ma Elisabetta ha mantenuto sempre un controllo totale.

  • Matteo

    Marzo 5, 2012 at 4:25 pm

    Un grazie a Lady Vivian per avermi fatto notare il dettaglio del bacio. Avevo notato che aveva fatto solo la riverenza ma non avevo dato molto peso alla cosa. Ora sono andato a rivederlo. La donna vestita di giallo è sempre più MITICA! 🙂

  • Matteo

    Marzo 5, 2012 at 4:44 pm

    E aggiungo…sembrerebbe quasi che il principe Filippo ridendo dica qualcosa tipo “niente?” e poi la bacia lui…

  • davide giulio contri di frassineti

    Marzo 5, 2012 at 6:17 pm

    Caro Matteo…hai tralasciato, per quanto riguarda gli Asburgo, una coppia zio/nipote F O N D A M E N T A L E (:-)): Francesco IV° d’Asburgo-Este, Arciduca d’Austria e Duca di Modena e Reggio, Figlio di Ferdinando D’Asburgo (uno dei figli di Maria Teresa e Francesco I° d’Asburgo-Lorena Imperatori) e Maria Beatrice d’ Este; e la di lui consorte Maria Beatrice di Savoia, figlia del Re Vittorio Emanuele I° e di Maria Teresa d’Asburgo-Este, sorella dello stesso Francesco IV° (quindi…zio e nipote…). 🙂

  • Dora

    Marzo 5, 2012 at 6:54 pm

    @ lady vivian e matteo
    o mio dio, è vero!!! con quel sorrisetto ha scosso il capo e la cami s’è dovuta accontentare e filippo ha guadagnato parecchi punti con il suo saluto un pochino più affettuoso…

  • Matteo

    Marzo 5, 2012 at 9:15 pm

    Avevo gia’ scritto che l’elenco e’ incompleto, ci sono piu’ di mille anni di storia e decine di case reali e non. Se dovessi rifare il controllo ne aggiungerei sicuramente molti altri. 🙂

    Dimenticavo che lei e’ della zona ed e’ molto legato agli Austria-Este:-) vorrei tanto che anche da me ci fosse un po di nostalgia delle passate case regnanti.:-)

  • Filippo

    Marzo 6, 2012 at 2:31 pm

    @Matteo complimenti come al solito sei molto preciso.
    Personalmente la cosa non mi sconvolge più di tanto, nei secoli scorsi come Matteo ci ha dimostrato era normale, forse, anzi senza il forse, serviva a rafforzare i vincoli dinastici e soprattutto economici, c’erano in ballo immensi patrimoni che non potevano essere dispersi con unioni diseguali, nel caso di Amedeo d’Aosta e di Letizia Bonaparte c’è stato un sentimento, dato che non c’erano di mezzo grandi patrimoni, ricordo per averlo letto che i due fecero di tutto per sposarsi.

  • Ale

    Marzo 6, 2012 at 4:18 pm

    @filippo da quello che so io re umberto I autorizzò le nozze proprio perchè il fratello amedeo l’aveva convinto che il loro sentimento era sincero. anche perchè certo il duca d’aosta non era uno squattrinato ma sicuramente letizia bonaparte non avrebbe fatto fatica a trovare uno sposo ricco almeno quanto lui. per il matrimonio amedeo le regalò un bellissimo diadema di diamanti con motivo a trifogli realizzato da musy che sarebbe bello sapere che fine ha fatto (probabilmente l’ha ereditato l’ultimo amante della principessa). comunque non è un matrimonio di cui la famiglia andava fiera, la principessa e suo figlio furono sempre trattati in maniera diversa rispetto agli altri membri della dinastia, soprattutto era evidente il cattivo rapporto con i figli di primo letto dell’ex re di spagna in particolar modo dopo la sua morte, avvenuta dopo solo due anni di matrimonio. alla giovane vedova venne dato in dotazione un bellissimo appartamento al piano terra del palazzo reale di torino in modo da tenerla lontana dalla corte e per cercare di evitare i pettegolezzi sui suoi flirt con ufficiali più giovani di lei.

  • anonimo

    Marzo 6, 2012 at 5:06 pm

    @Dora…ma dove hai scovato questa cosa? SIMPATICISSIMA!!!!

  • elettra

    Marzo 6, 2012 at 5:45 pm

    Sempre io l’anonimo di oggi mi sto veramente incavolando con questo PC ribelle!

  • Lady Vivian

    Marzo 7, 2012 at 5:10 am

    Ciao Matteo grazie a te,
    Sei una specie di enciclopedia storica, qualcosa di raro ai tempi di oggi.
    Penso che qui’ su “Altezza Reale” si puo’ trovare i migliori esperti, storici Reali, critici, opinionisti, di tutta Italia..
    (Grazie sempre all’ideatrice, Marina Minelli).

    Parigi si sa’, non e’ certo la cittadella di provincia, ma una grande metropoli, tecnologica e antica.
    Tra le cose che ho visitato a Parigi, sono voluta passare in macchina sotto la galleria Dell’Ama’,( l’uogo dov’è morta Lady Diana), e l’impressione che ho avuto e’ di un breve percorso ( 30, 40 metri) sotterranei, costruito in modo moderno, senza curve, illluminatissimo, fatto di materiale chiaro, con telecamere bene in vista.
    Ho percorso questo Tunnel sia di giorno che di notte, intorno alle 24,00, e in pochi secondi si e’ subito fuori, è dritto non ci sono curve.
    Nelle biografie che ho letto di Lady Diana, non parlano mai dei filmati delle telecamere che erano regolari sotto il tunnel, ma forse ai tempi ancora non c’erano?
    Un altro particolare di tutta questa vicenda è che i satellite che osserva i movimenti dallo spazio, ovviamete non poteva vedere sotto il Tunnel Dell’Alma’.
    Credo che lo sappino un po’ tutti, Parigi e’ un capitale famosissima e come tale e costantemante sorvegliata e fotografata dai satelliti.
    Allora penso, che sia anche probabile, tra telecamere del tunnel ( ora almeno ci sono) tra i satelliti, indiviuare chi entro’ nel tunnel prima della macchina di Diana.
    Ma come mai nessuno ha mai parlato di questa teoria?
    La cosa mi rimane molto ambigua, e onestamente morire cosi’,d’incidente, sotto un tunnel che copre ogni immagine di movimenti e di dinamica non mi torna.
    Basterebbe aver avuto un video o un satellite che mettesse in chiaro cosa veramente sia successo…

    Quando ho parlato del Principe Filippo, è perche’ sento qualcosa su di lui, certo vederlo cosi’ anziano fa’ ridere, eppure per me e’ una persona che nasconde piu’ personalita’, ci lavora molto col pensiero, e’ una persona che ha velocita’ di analesi, di ragionamento, e paradossalmente e’ sempre stato un’aristocratico che parlarne mi incute timore, paura, è quel genere di persona che intorno a lui vedo morte… su quello che dico si potrebbe fare delle risate a non finire, eppure io sento cosi’.
    Dire sempre bene e’ un po’ essere ipocriti.
    Per lui non riesco sviluppare bene un pensiero perche’ mi fa’ paura, e’ una persona con doppia personalita’.
    Ombre di sessualita’ malata, emotivita’ instabile, distruzione, passione, violenza inaudita e morte.
    Ma queste cose possono divenire fissazioni?
    La morte aleggia sempre dove si reca, o prima o dopo, con dinamiche a volte fuori dl comune o atroci…
    L’altro giorno dopo aver parlato di lui mi sono messa a piangere..
    E stranamente una persona che conoscevo poco mi ha regalato un’orchidea, strano vero?
    La prima della mia vita…

  • Filippo

    Marzo 7, 2012 at 3:04 pm

    @Lady Vivian, ma la regina difficilmente in pubblico bacia qualcuno, e come sottolineato da Matteo, che ha rivisto il video, è Filippo che bacia Camilla e non il contrario. Carlo invece bacia la mano alla regina e poi le dà un bacio sulla guancia, ma sono pur sempre madre e figlio.
    Comunque credo che il galateo preveda ad una signora il baciamano, quando la signora in questione è parente (anche alla lontana) le si dà pure un bacio sulla guancia, (che sia regina oppure no) o no!
    Per quanto riguarda l’antipatia della regina nei confronti di Camilla, credo con il tempo si sia mitigata, Camilla tiene un profilo molto basso e questo alla regina piace.
    Un paio di sere fa al TG1 hanno fatto vedere le tre dame: the Queen, Camilla e Catherine, che si sono recate insieme ad un evento pomeridiano presso un negozio, fornitore di casa reale, per un assaggio di miele e dolciumi vari.
    Se la regina non avesse cambiato idea su Camilla penso che difficilmente avrebbe acconsentito alla sua compagnia.
    @Matteo, non so se hai anche notato (io lo notai e lo commentati allora), che dopo i saluti, un cerimoniere cerca di formare il piccolo corteo reale per percorrere la navata della Chiesa, guarda attentamente e vedrai che Camilla cerca di defilarsi, come a voler dire io non c’entro per niente, sembrava molto sbigottita di dover essere lei a percorrere la navata al fianco di Carlo seguita dalla regina e da Filippo, guarda bene e vedrai.
    @Elettra allora ci hai preso gusto ad essere anonima 🙂
    Saluti
    Filippo

  • Dora

    Marzo 7, 2012 at 6:53 pm

    @elettra
    le vie del web sono infinite…
    …esattamente come le cavolate che trovi!!! 😉

  • Filippo

    Marzo 8, 2012 at 5:26 pm

    Buona sera
    @Lady Vivian, sicuramente nel 1997 il sottopasso non era videosorvegliato come pure i satelliti non coprivano aree di scarso interesse, (anche se di Parigi tu parli), dopo il 2001, con il crollo delle torri a NewYork, la sorveglianza è aumentata e la copertura dei satelliti garantisce un pò di sicurezza a tutti.
    Per quanto riguarda il tuo pensiero su Filippo mi sembra un pò eccessivo, parli di doppia pesonalità, ombre sessuali, distruzione, violenza inaudita e morte.
    Un flagello di Dio se dove passa lui aleggia prima e dopo la morte.
    Un pò troppo direi!!:)
    A meno che non lo conosci di persona, e allora taccio.
    Forse ad alcuni, a pelle o a prima vista, potrà sembrare antipatico, burbero, ma tu lo dipingi come un mostro.
    Pensi che the Queen sia così fessa?
    Saluti
    Filippo

  • Ale

    Marzo 8, 2012 at 6:26 pm

    @lady vivian nel 97 non c’era ancora la mania di piazzare telecamere ovunque, per certi versi era meglio. ho fatto tante volte quel tunnel e ogni volta che ci sono passato ho pensato alla tragica fine della povera principessa. probabilmente l’ho percorso anche qualche settimana prima dell’incidente, il 97 è stato prorpio il mio primo viaggio a parigi, ma personalmente non credo alle teorie di un complotto e tanto meno a quelle riguardanti la figura del principe filippo. comunque rispetto la tua opinione.

    secondo me la regina elisabetta e camilla vanno molto d’accordo, da video e foto che visto non mi sembrano così distaccate quando sono insieme e poi hanno in comune la grande passione per i cavalli, passione che la povera kate non potrà mai avere visto che è allergica… proprio ai cavalli.

  • elettra

    Marzo 8, 2012 at 8:35 pm

    Lady Vivian…mamma mia ! dire che il principe Filippo non ti piace , è dire poco! ma sei una medium?…non prendere male le mie parole, ci sono delle persone che possiedono una sensibilità speciale e che avvertono cose che altri non percepiscono… che Filippo non sia un esempio di simpatia e calore umano, questo lo sento anch’io …in fondo anche lui ha avuto una madre e un padre alquanto strani… la madre più volte dichiarata schizofrenica (o forse solo incline all’infelicità)…una sorella perita con tutta la famiglia quando lui era ancora piccolo…insomma se ha un brutto carattere non è tutta colpa sua
    Visto che sei una persona tanto sensibile, non avrai problemi a metterti in contatto con la tua orchidea e capire di cosa ha bisogno……si dice che anche le piante parlino e ascoltino, e io un pochino ci credo…fammi sapere fra qualche mese se avrai stretto un buon rapporto con lei!

  • Dora

    Marzo 12, 2012 at 8:34 pm

    ommmioddio!!!!
    mi sono accorta che nei loro pluridecennali regni le regine Beatrice d’Olanda, Elisabetta d’Inghilterra e Margherita di Danimarca non hanno MAI e dico MAI cambiato in modo significativo pettinatura/acconciatura!!!!
    santi numi!

  • Filippo

    Marzo 13, 2012 at 5:22 pm

    @Dora, come la Carrà!!

  • elettra

    Marzo 13, 2012 at 7:11 pm

    @Dora….anche la regina Sofia….anche la regina Silvia……anche la regina Fabiola……. anche la principessa Grace…. solo Paola E Sonia sono state due rivoluzionarie
    Credo che tutto derivi dal fatto che le tiare stanno meglio – o almeno così si diceva- con alcune acconciature o con i capelli raccolti….. quando si doveva celebrare il matrimonio di Carlo e Diana, tutti si chiedevano come avrebbe potuto indossare il diadema con i capelli corti….

  • Lady Vivian

    Marzo 14, 2012 at 3:09 am

    Le Nazioni unite passarono al vaglio una mozione importante di Lady Diana, riguardo l’uranio impoverito , fu’ una cosa piuttosto strana inquanto i monarchi di epoca moderna, difficilmente arrivano a questi livelli.
    Diana sosteneva che, era inutile che continuasse ad esporsi in una campagna anti-mina quando lei stessa apparteneva ad una Nazione che era la prima al mondo in esportazione di uranio impoverito.
    La commissione Clinton, negli innumerevoli incontri con Lady Diana, promise di firmare, insieme alle Nazioni unite, la petizione della fine di produzione delle mine anti uomo.
    Ma la tragica fine di Lady Diana fece fare marcia indietro agli Stati Uniti e non se ne’ fece piu’ nulla.
    Ancora oggi la Gran Bretagna e’ il piu’ grande esportatore di uranio impoverito e di mine anti-uomo.

  • Lady Vivian

    Marzo 14, 2012 at 4:46 am

    Quando mori’ Lady Diana ero a letto…
    Una mia compagna i scuola mi telefono’ intorno 01,45 del 31/08/1997 ..
    Ciao Viviana, non posso parlare, perche’ dormono tutti; ma e’ morta la principessa…
    Domani a scuola vedrai quanto se ne’ parla.
    Riattacco’ il telefono e io non la richiamai.
    Non riuscivo a capire cosa fosse successo,
    cosa intendeva dire, ebbi un forte presentimento negativo, andai in salotto in silenzio, avevo solo una maglietta addosso, scalza, accesi la tv e ,al volume al minimo su cnn si vedeva luci che lampeggiavano e una macchina nera distrutta…
    Poi una scritta in inglese che stranamente l’istinto mi fece tradurre automaticamente…

    DAIANA 36 ANNI E’ MORTA QUESTA NOTTE A PARIGI.
    Spensi subito, ritornai a letto ma non riuscii a dormire, la mattina a forza di pensare ero distrutta…

  • marina

    Marzo 14, 2012 at 1:44 pm

    @ Viviana, evidentemente la sua amica era una veggente perché Diana è stata dichiarata morta intorno alle 4 del mattino, due ore dopo essere arrivata all’ospedale, un’altra cosa mi lascia perplessa, ma che ci facevate a scuola il 31 di agosto?

  • Ale

    Marzo 14, 2012 at 4:07 pm

    @dora, filippo, elettra probabilmente sono donne conservatrici anche nel look. usando una frase presa in prestito dalla puntata di atlantide dedicata alla regina inglese: elisabetta ha cambiato raramente e solo quando costretta. probabilmente nessuno l’ha mai costretta a cambiare acconciatura. comunque se a lei piace fa bene a non cambiare!

  • davide giulio contri di frassineti

    Marzo 14, 2012 at 7:47 pm

    …chi ha avuto una mamma con i capelli mossi ed “esasperati” nella piega con la permanente e l’uso di lacca, come usava presso tutte le ragazze negl’anni ’50 (e valorizzati con cerchietti, e foulards…)…comprende PERFETTAMENTE… l’attaccamento della regina al proprio look… 🙂

  • Lady Vivian

    Marzo 15, 2012 at 2:35 am

    La verita’ e’ che non mi ricodo bene!
    Lei mi chiamo’ di notte dicendomi che era successo un’incidente grave alla principessa, o qualcosa del genere, ma io non capii un tubo e non le diedi molto peso, perche’ era solita chiamarmi di notte per dirmi anche stuppidagini o cose del genere , io non capii bene, poi pero’ non riuscii piu’ a dormire, e non so’ dirvi con esatezza a che ora accesi il tv, ma quella notte non chiusi occhio.
    Ho associato il fatto di scuola,Marina e chiedo scusa per l’inconveniente, perche’ in quel periodo uscivamo con ragazzi che frequentavano lo stesso nosto istituto.

    Rimasi molto sconvolta da questa tragedia,
    la prima cosa che penso e’ sicuramente che questa morte e’ stata spudoratamente programmata, lo pensai subito senza avere un briciolo di dubbio.

    E la seconda, e forse quella piu’ dolorosa e’ che questa morte non e’ stata solo tragica, o angosciosa, atroce o crudele, come spesso puo’ succedere nel corso della vita, la scomparsa di Lady Diana è stata la fine di un ciclo, lo stop di qualcosa di grande, come l’assassinio di John Fitzgerald Kennedy, la caduta del muro di Berlino, la morte di Gandhi, e altre cause che hanno determinato chiusure determinanti per tutta l’umanita’.

    Amo molto la storia, e ci abbino molte fantasie sopra, da sempre, non sono una medium, ma ho molta sensibilita’ sull’animo delle persone, invento situazioni, figure ,colori che non si hanno normalmente nella realta’, che non si vedono, e’ un po’ come rielaborare quelle reali.
    Che ci posso fare?
    Fantasie direte?
    Sicuramente si’, le ho sempre avute, nella mia mente, fin da bambina, e allora che c’è di male?
    Molte persone mi chiedono di parlare di loro, altre invece no’, ad alcune le innervosisco, ma non chiedetemi perche’, non lo so’, sono vere sono false e che importanza possono avere, le cose importanti per la mia mente sono quelle in cui ho un riscontro con la verita’.. e non con la realta’!
    Ma non credete in queste cose, mi raccomando, e per favore non vorrei piu’ parlarne!

    @ elettra, l’orchidea e’ bianca macchiata di giallo, è bellissima e sta’ bene, grazie.
    Spero di riuscire a curarla bene come le curi tu!
    E anche con tutto l’amore che posso…ciao

  • paola

    Marzo 15, 2012 at 3:49 pm

    @Lady Vivian, a volte succedono cose che è difficile spiegare, se non sbaglio Jung parlava di “sincronicità”: e in questi fenomeni rientra anche che un essere umano in un momento inaspettato possa entrare in contatto con un altro essere, anche sconosciuto, che si trova a molti chilometri di distanza, insomma ci sono momenti in cui si può verificare un’empatia tra persone anche molto distanti tra loro (così come tra animali, per esempio cani, e persone) di solito in situazioni esistenziali estreme per uno dei 2 (pericolo di vita e simili). Sono fatti che avvengono, e sempre sono avvenuti, e che a volte coinvolgono anche persone estremamente razionali, ma che la scienza ha accantonato perchè non sa spiegare.
    Comunque sono d’accordo con lady Vivian, forse è meglio non parlarne perchè sono sensazioni, visioni o presentimenti molto forti (anche drammatici e dolorosi) per chi li vive e non facilmente spiegabili a parole.

    M. Paola

  • paola

    Marzo 15, 2012 at 3:58 pm

    osservazione frivola che non c’entra niente con i discorsi precedenti: avete visto il cappello della contessa di Wessex su

    http://www.noblesseetroyautes.com/nr01/2012/03/la-comtesse-de-wessex-au-commonwealth-day/

    ???? la contessa ha spennato un piccione??? 😀

    M. Paola

  • davide giulio contri di frassineti

    Marzo 22, 2012 at 5:02 pm

    http://www.youtube.com/watch?v=kmar5S2IxDI&feature=g-vrec&context=G27665deRVAAAAAAAAAQ

    dovete ASSOLUTAMENTE guardare questo incredibile video riguardo ad una cena a buckingham Palace col re del Ghana… credevo fosse finto, con sttori sosia voglio dire! invece no!…la regina si comporta in modo spontaneo (deve essere successo qualcosa che la incuriosisce oltremodo…) come se non ci fossero tanti ospiti e le telecamere…ahahahah! simpaticissima (anzi dice “sorry” a due ospiti imbarazzatissimi :-))

  • giulia

    Marzo 23, 2012 at 9:12 am

    DGCF: La first lady del Ghana avava bisogno dell’ascensore per salire al primo piano, l’ascensore non funzionava, grande agitazione generale, regina compresa. A quanto pare il duca ha avuto una buona idea, l’ascensore è ripartito e la regina ha fatto un risolino di soddisfazione. La serata è poi proseguita normalmente.

  • davide giulio contri di frassineti

    Marzo 28, 2012 at 8:21 pm

    se ho capito bene le hanno fatto usare l’ascensore del personale di servizio 🙂

  • laura

    Aprile 19, 2012 at 9:10 pm

  • Laura

    Aprile 28, 2012 at 9:33 am

    Per chi vuole fare un ripasso del giubileo d’ro della nostra Elizabeth ecco questo link :

    http://www.corbisimages.com/Search#p=1&q=queen+elizabeth+golden+jubilee

  • Laura

    Aprile 28, 2012 at 9:43 am

    Qui invece una foto di gruppo di tutti i reali d’Europa a cena a Windsor sempre in occasione del giubileo d’oro. Sono presenti i Lussemburgo (anche la coppia degli ex granduchi) ma non i principi di Monaco e Liechtenstein. Pare che si sia trattato di un ricevimento privato e non di stato e che pertanto sia stato limitato solo ai reali imparentati con Elisabetta anche se in modo piuttosto remoto. C’e’ un bel servizio fotografico su un numero di Hola che conservo gelosamente.

    http://www.theroyalforums.com/forums/f118/the-queens-golden-jubilee-2002-a-151.html

  • Laura

    Aprile 30, 2012 at 2:10 pm

    Questo anno di giubileo di diamanti mi ha spinto a curiosare tra vecchi filmati di queen Elizabeth e sono andata a scovare dei video bellissimi sulla cerimonia trooping the colour. Se andate su you tube e’ la parate dell’anno scorso con il debutto di William a fare da padrona. Pero’ cercando su British pate ci sono delle vere e proprie chicche.
    Questa e’ la cerimonia del 1960. Guardando alcuni di questi filmati sono rimasta piena di ammirazione su come the Queen dagli anni 50 (come principessa) e poi come regina fino al 1987 (se ricordo bene) ha partecipato alla cerimonia cavalcando all’amazzone e tenendo le briglie quasi sempre solo con la mano sinistra. A quanto pare la cosa e’ tutt’altro che semplice (la principessa Anna non ha mai cavalcato all’amazzone nella stessa cerimonia). Persino durante l’attacco improvviso di un uomo che nel 1981 sparo’ dei colpi di arma da fuoco vicino la regina che montava il suo famoso Burmese, Elizabeth riusci’ a mantenere il controllo e a continuare la parata.

    http://www.britishpathe.com/video/trooping-the-colour-16/query/Trooping+the+colour

  • Laura

    Aprile 30, 2012 at 2:14 pm

    Questo e’ il filmato del 1964 : guardatelo fino alla fine perche’ proprio in coda c’e’ una scena tenerissima

    http://www.britishpathe.com/video/trooping-the-colour-15

    Dal 1988, se ricordo bene, Elizabeth partecipa su un calesse di epoca perche’ con la morte di Burmese fu ritenuto difficile abituare un altro cavallo alla monta da amazzone. E penso che la stessa regina che ama cavalcare in modo “normale” e non all’amazzone sotto sotto non si sia tanto dispiaciuta.

  • giovanna

    Aprile 30, 2012 at 5:27 pm

    @Laura : questi video sono bellissimi non conoscevo British Pate , la regina era veramente una amazzone !
    Anche le foto del giubileo d’oro sono fantastiche.
    Approfitto di questo ponte di vacanze per godermi finalmente con calma questo blog ricco di sorprese complimenti a chi lo ha ideato : ora lo ho messo tra i preferiti e conto di entrarci spesso

  • Ale

    Aprile 30, 2012 at 6:27 pm

    @laura è vero la regina è ed è stata un’ottima amazzone. la cosa che mi diverte di più è che cavalca ancora, quest’estate ho visto delle foto che la ritraevano a cavallo con i nipoti, i figli del conte di wessex. mica male per la sua età!
    i cavalli sono una sua passione visto che meno di un’anno fa ha speso 500.000 sterline per uno stallone puro sangue da riproduzione per il suo allevamento, il tempo dirà se sia stato un buon investimento. inoltre se non sbaglio l’ippodromo di ascot è del crown estate, quindi in pratica fa parte delle proprietà della corona. questa passione l’ha anche avvicinata a camilla, altra amante dei cavalli. invece kate è allergica, quindi non la vedremo mai montare.

  • elettra

    Aprile 30, 2012 at 6:42 pm

    @Laura che immagini meravigliose! e come era giovane la regina!…..e quanta acqua è passata sotto i ponti, purtroppo!…quindi è rimasta fedele al suo cavallo, e senza di lui non ha più montato, ma anche il cavallo deve aver capito che portava una regina…che perfezione! tutto molto British, molto impero… parlo come la romantica donna inglese di Montesano….

    @Giovanna…buona esplorazione! vedrai come ti piacerà!

  • elettra

    Aprile 30, 2012 at 6:44 pm

    @ Ale , scusa non ho capito…Kate è allergica al pelo del cavallo, o hai parlato di allergia, perchè non le piace montare?

  • elettra

    Aprile 30, 2012 at 8:31 pm

    Proprio ora al Tg hanno detto che 100 carabinieri a cavallo e 100 cavalli rappresenteranno l’Italia al giubileo di Sua Maestà…non so quanti di voi hanno avuto la possibilità di vedere il Carosello dei carabinieri dal vivo…è bellissimo e molto entusiasmante, e si conclude con la carica ..100 cavalli e 100 cavalieri che , a sciabile sguainate , si lanciano gli uni contro gli altri, incrociandosi e intersecandosi…. …..nonostante la velocità, con gli animali al galoppo, gli spazi sono calcolati al millimetro, pena l’infilzata di qualcuno… questa e le acrobazie delle frecce tricolori sono uno degli spettacoli migliori che possiamo esportare

  • sisige

    Maggio 1, 2012 at 9:07 am

    Quanto ci costerà questa cosa?? Scusate, ma di questi tempi…

  • Laura

    Maggio 1, 2012 at 9:25 am

    @ Ale la regina e’ certamente una grande conoscitrice di cavalli e le foto la mostrano sempre mentre cavalca alla maniera usuale per tutti: la mia meraviglia e’ stata vedere come e’ riuscita a cavalcare per decenni all’amazzone (una monta che non consente una grande stabilita’) durante una lunga cerimonia. Essendo una perfezionista nel video precisano che si allenava per settimane prima della cerimonia. Sono sicura che hai ammirato Trooping the colour perche’ e’ anche una bellissima parata con una lunga tradizione molto amata dagli inglesi.
    @ Elettra sono contenta che i video ti sono piaciuti : British Pathe e’ una vera miniera. Se ricordo bene il cavallo dei due video che ho linkato non e’ Burmese che inizio’ il suo servizio un po’ piu’ tardi ma che comunque fu la preferita dalla regina che da quel momento utilizzo’ solo lei per Trooping. E’ la cavalla che montata dalla regina in occasione di una famosa foto che la ritrae a cavallo con il presidente Reagan.
    @Giovanna : benvenuta fra noi

  • Ale

    Maggio 1, 2012 at 11:31 am

    @elettra naturalmente non mi ricordo dove l’ho letto (forse nel libro “la classe non è acqua”, in cui antonio cararica descrive le stravaganze della nobiltà inglese o, come la chiama lui, del club più esclusivo del mondo). ma si kate sembra essere allergica al pelo di cavallo, è una grande sfortuna per un membro di una famiglia reale, soprattutto per quella inglese. non so se possa essere considerato un difetto, ma di sicuro è un fattore che le darà dei problemi, anche solo di relazione. comunque deve essere un’allergia leggera perchè è vero che non l’abbiamo mai vista montare ma riesce comunque a stare su una carrozza senza avere problemi e l’anno scorso è andata anche ad ascot.

  • Filippo

    Maggio 1, 2012 at 3:47 pm

    Buon primo maggio a tutti!
    @Laura dire che la Regina è una conoscitrice di cavalli è un eufemismo, direi piuttosto una “patita”, sembra che i primi giornali che legge al mattino sono quelli che riguardano i cavalli e l’ippica (quotazioni, corse e quant’altro).
    @Sisige, ma lo sai che anch’io ho pensato la stessa cosa?
    Ma com’è che nessuno si è ancora lamentato, ci penserà Striscia….
    Io sono contento che “The Queen” venga omaggiata anche da noi italiani, il giornalista ha detto che è stata Elisabetta a richiedere i nostri carabinieri, bho! sarà vero o è stata una interpretazione che ha dato il giornalista, con tutti i cavalli e cavalieri di cui dispone, viene a scegliere i nostri! Penso sia un’azione diplomatica e di pura cortesia tra Stati.
    Saluti
    Filippo

  • Ale

    Maggio 1, 2012 at 5:09 pm

    @filippo in occasioni importanti e speciali i vari stati mandano nel paese in festa di turno i loro elementi più rappresentativi. l’anno scorso per il 2 giugno sono venuti a rendere omaggio all’italia molti capi di stato (juan carlos era in prima fila) e alla fine della parata militare delle forze italiane erano sfilate le rappresentanze straniere, formate dalle eccellenze militari dei paesi ospiti. penso che per il giubileo della regina valga la stessa cosa. di sicuro faremo una bellissima figura mandando i nostri carabinieri a cavallo, fiore all’occhiello del nostro esercito.

  • giovanna

    Maggio 1, 2012 at 5:54 pm

    @Laura siccome questa monta da amazzone mi ha intrigato ho guardato in giro sul web e ho appreso che ancora oggi in Gran Bretagna ci sono delle gare particolari di dressage per donne che cavalcano in questo modo. Considerando quanto sia difficile sono davvero coraggiose (o pazze). Comunque la regina era superba : ho visto su you tube la cerimonia del 1981 di cui scrivevi quella con gli spari e la regina dimostra un grande controllo

  • elettra

    Maggio 1, 2012 at 6:16 pm

    @Sisige
    @Filippo
    le missioni all’estero costano tutte moltissimo, però almeno questa può considerarsi per scopi pacifici e promozionali e è contenuta in tempi ristretti!..le altre , quelle mascherate, solo mascherate da intenti umanitari costano molto di più e dal Libano , anno 1981 o giù di lì, non sono ancora finite,( Somalia, Kossovo, Irak,Afghanistan) e qualcuno molto spesso ci lascia la pelle!..uno di questi caduti , morto ormai da molti anni, è stato alunno di mia suocera ed io , personalmente, gli avevo dato qualche lezione di inglese….
    questo squadrone di Cavalleria, così come le frecce tricolori, sono fatti apposta per girare in Italia e nel mondo, perchè offrono uno spettacolo unico e la regina li aveva già visti , nel suo ultimo viaggio in Italia, nel 1993,….. è probabile che li abbia richiesti!
    Comunque se avrete la possibilità in futuro di vedere il carosello dei carabinieri, non perdetelo!nell’assalto finale, si sentirà la terra tremare sotto gli zoccoli dei cavalli e potrete immaginare cosa deve essere stata una battaglia della cavalleria, del secolo scorso!..credo di averlo già detto, ma lo ripeto volentieri…non amo nè le divise, nè le armi, forse perchè ci ho convissuto molto tempo, quindi potete fidarvi!

    @Ale…grazie non sapevo di questo problema di Kate!

  • elettra

    Maggio 2, 2012 at 9:45 am

    La nostra amata Queen deve aver commissionato al suo sarto e cappellaio, un unico modello in tutti i colori del mondo…potrebbe diventare lo sponsor di una nota casa italiana, che si pubblicizza proprio così…tutti i colori del mondo
    Guardate le numerosissime fotografie su Getty images famiglie reali…è ritratta in un completo lavanda dove a dir poco è splendida!

  • sabrina

    Marzo 16, 2014 at 6:11 pm

    A proposito di matrimoni zio nipote non ho visto menzionare uno tra i parenti della casa reale inglese il padre del principe Alberto sposa dopo il divorzio e la morte della prima moglie madre di Alberto Luisa di Sassonia Gotha Altemburg la nipote Maria di Wuttemberg figlia della sorella Antonietta che diventa matrigna dei propri cugini bah…

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post

Un menù veramente reale

Next Post

Victoria e Daniel, è arrivata la principessa Estelle

error: Content is protected !!