Grimaldi & C. al Ballo della Rosa

 BalloRosa13

Praticamente i Grimaldi devono la loro fortuna – e non in senso lato, proprio fortuna in forma di denaro contante – a una donna. Una signora che verso la metà del XIX secolo ha un colpo di genio. Caroline Gibert, moglie di Florestan Grimaldi principe di Monaco, non ha una goccia di sangue blu nelle vene, ma arriva da una di quelle solide famiglie della buona borghesia che sanno come fa quadrare i conti di casa. Fra l’altro il marito pur essendo regnante ha ben altri interessi, è un cantante lirico semi professionista, che prende di malavoglia le redini del principato dopo la morte del fratello Onorato III. È Caroline ad avere l’idea di aprire a Monaco un casinò. Per i Grimaldi, sempre alle prese con enormi difficoltà economiche, si tratta della svolta decisiva. Quando sul trono c’è ormai suo figlio Carlo III, Caroline fonda la Societé des Bains de Mer * gettando così le basi della futura prosperità del piccolo stato. Tutto ciò accadeva esattamente 150 anni fa e proprio a questo felice anniversario è stato dedicato il Ballo della Rosa edizione 2013, l’evento di apertura della stagione mondana monegasca. Karl Lagerfeld, nel ruolo di direttore artistico della serata, ha creato una immensa sala da gioco sulla quale si sono affacciati, come al solito in gran spolvero, i Grimaldi con congiunti, figli e fidanzati vari. Più un numero imprecisato di celebrità e vip (fra gli altri il pittore Botero, il miliardario Antoine Arnault con la compagna Natalia Vodianova) tutti disposti a versare diverse centinaia di euro (devolute dalla Fondazione principessa Grace) per avere l’onore di cenare in prossimità dei principi di Monaco. Unico assente – ampiamente giustificato visto che è diventato papà giovedì scorso di un bambino che pare si chiami Sacha – Andrea Casiraghi, il figlio maggiore di Carolina. Nessuna traccia, invece, di Stéphanie per la quale le mondanità monegasche si aprono e si chiudono con il festival del circo creato dal padre e di cui ha preso le redini.

BalloRosa2

Ma veniamo al gossip. Niente di nuovo sul fronte Alberto e Charlene, sempre uguali, sempre sorridente lui, sempre un tantino perplessa ma perfetta lei, sempre senza figli,  il che significa che l’erede in terza posizione dopo la madre Caroline resta Andrea Casiraghi a cui seguirà il figlio, ovviamente quando i genitori avranno regolarizzato il loro legame. Sempre lei anche Caroline, elegante, di classe, forse un tantino troppo fedele a Chanel-Lagerfeld, ma ormai anche questo fa parte del suo stile. Purtroppo per S.A.R. la principessa di Hannover – il titolo di Caroline che ufficialmente non ha mai divorziato – e per S.A.S. la principessa di Monaco, i flash sono stati  quasi tutti per Charlotte Casiraghi, unica vera e assoluta star della serata. Insieme al fidanzato ufficioso – ma sempre più ufficiale – Gad Elmaleh al quale va il merito di averla riportata fra i comuni mortali. Con il simpatico attore francese la bellissima figlia di Caroline, abbandonato il broncio perenne, adesso sorride. E c’è anche chi parla di nozze in vista e di un anello con un brillante enorme intravisto al dito di Charlotte. Comunque con o senza anello la presenza di Gad a uno degli eventi clou del principato è senza dubbio un segnale forte di accettazione totale da parte della famiglia.

 

BalloRosa7

Charlotte, Gad e Beatrice Borromeo, la fidanzata di Pierre Casiraghi

BalloRosa10

Caroline e Charlene, una in Chanel, l’altra in satin crema con “chiodo”

BalloRosa22

BalloRosa15

BalloRosa3

BalloRosa11

I tavoli della cena

BalloRosa20

Alberto e Charlene

BalloRosa17

 

 

Karl per favore sorridi e togli gli occhiali neri…

BalloRosa6

* la Societé des Bains de Mer – SBM presieduta al momento della fondazione da François Blanc – che ne è il maggiore azionista – deve gestire lo sviluppo del quartiere di Monte-Carlo attraverso la costruzione dell’Opera del Casino e dell’ Hôtel de Paris.

copyright foto: Zimbio

Previous Post

Colin Firth, Giorgio VI e "Il discorso del re" su Canale 5

Next Post

Tutti insieme appassionatamente per il Giubileo di Victoria

error: Content is protected !!