William & Kate: due cori, un’orchestra, una fanfara militare ma niente regali

Un’orchestra, una fanfara militare e due cori per William e Kate. Ma non doveva essere un royal wedding semplice, per non dire low cost? Si doveva essere, ma tutte le buonissime intenzioni alla fine si sono scontrate con la necessità di mantenere alto il tono, perché la più antica monarchia parlamentare del mondo è prima di tutto spettacolo, grande spettacolo. Il potere della regina è molto limitato, ma il prestigio della sovrana e della famiglia reale resta immenso. Per cui mica si possono deludere due miliardi di persone che il 29 aprile si piazzeranno davanti alla tv. Il sito ufficiale del royal wedding  la Casa Reale ha fatto sapere che a Westminster si produrranno, in occasione delle nozze, il coro della stessa abbazia (diretto da James O’Donnel), il Chapel Royal Choir, una corale di bambini ed adolescenti e la London Chamber Orchestra diretta Christopher Warren-Green. L’orchestra, da camera ma sempre orchestra, formata da 39 elementi verrà collocata accanto all’organo. La cerimonia sarà rallegrata anche sette musicisti della fanfara della Central Band of the Royal Air Force diretti dal comandante Duncan Stubbs. Il principe William e miss Middleton, chiarisce la nota, hanno scelto personalmente la musica e i brani  per la funzione religiosa, ma Hola nei giorni scorsi aveva raccontato che i due erano stati consigliati dal principe di Galles notoriamente appassionato di musica classica. Claire Jones (l’arpista ufficiale del principe di Galles) suonerà sia nell’abbazia che al ricevimento offerto dalla regina. Trent’anni fa, al matrimonio del principe di Galles e lady Diana, era stata chiamata a cantare Kiri Te Kanawa, celebre soprano di origine neozelandese. Mentre (chissà se qualcuno se lo ricorda?) il commentatore televisivo inglese era stato un certo Richard Burton. 

Sempre attraverso il sito ufficiale i due fidanzati più celebri del mondo hanno fatto sapere che il dono più gradito sarà un’offerta al The Prince William & Catherine Middleton Charitable Gift Fund creato appositamente in occasione delle nozze. I due futuri sposi hanno scelto cinque settori di intervento (sostegno al personale in servizio nell’esercito, alle loro famiglie ed ai reduci; sostegno e patrocinio alle arti ed allo sport; conservazione della natura; aiuto ai bambini ed alle persone anziane) ed al loro interno selezionato le “cause” che stanno loro particolarmente a cuore. E visto che queste sono nozze moderne chi lo vorrà potrà fare un’offerta anche via sms. Un gesto solidale che da solo fa crescere a dismisura le quotazioni già altissime della coppia.

 Sistemata la questione “ultime news” ecco qualche informazione sugli effetti collaterali del matrimonio reale. A Londra ormai per l’ultimo week end di aprile è tutto esaurito, gli hotel (che hanno triplicato i prezzi) sono al completo, idem i voli e i treni (in particolare il TGV da Parigi) e il marchandising va alla grande. Come potete vedere qui sotto. E questo è uno degli oggetti più sobri.  

296446-sachets-the-noir-representent-visage

Nessuna novità per quanto concerne la lista dei regali ospiti che presumibilmente resterà segretissima fino all’ultimo minuto, ma il giornale popolare Mail on Sunday ha fatto sapere che il droghiere, il macellaio, il postino e il proprietario del pub du Bucklebury, la cittadina a sud est di Londra dove vivono i Middleton, sarebbero stati invitati alle nozze. Immediatamente intervistati hanno tutti confermato e anzi il droghiere, un signore di origine indiana, avrebbe anche precisato che la sua signora indoserà un sari. “Abbiamo chiesto a M. Middtleton se la cosa avrebbe creato dei problemi – riferisce Chan Shingadia – e lui ci ha detto che è un abito perfetto per l’occasione”.

E per un tour dell’abbazia di Westminster guardate questa mini intervista al Decano che parla della storia e delle tradizioni reali legate all”edificio.

E intanto il settimanale spagnolo Hola dedica la copertina alla futura principessa che potrebbe diventare, secondo gli spagnoli, una vera icona dello stile.

portada-hola--a

 ps giuro che il prossimo post sarà interamente dedicato agli sposi di Monaco, sto studiando la materia…

 

Previous Post

150mo dell'Unità: la storia del "sacrificio" della principessa Clotilde

Next Post

Nozze reali 2011: ed ecco a voi Alberto II di Monaco e Charlène

error: Content is protected !!